L'ARTISTA RITSUE MISHIMA INTERPRETA LA LUCE PER LA MAISON PERRIER-JOUËT UN HAIKU PER CELEBRARE LA NUOVA COLLABORAZIONE TRA PERRIER-JOUËT E L'ARTE

L'ARTISTA RITSUE MISHIMA INTERPRETA LA LUCE PER LA MAISON PERRIER-JOUËT UN HAIKU PER CELEBRARE LA NUOVA COLLABORAZIONE TRA PERRIER-JOUËT E L'ARTE

Nell'Haiku di febbraio la nuova collaborazione di Perrier-Jouët con l'artista Ritsue Mishima che ha intrappolato la luce dello champagne nel vetro di Murano

Il poeta Oshima Ryõta cattura la delicatezza della natura in un Haiku di tre brevi versi. Un volo di allodole leggero nella brezza mattutina, un’immagine che sembra materializzarsi attraverso le parole che scandiscono in un battito d’ali la bellezza semplice delle prime luci del giorno.    Il dialogo creativo tra Perrier-Jouët e l’arte è iniziato nel 1902, quando l’artista dell’Art Nouveau francese Emile Gallé creò il motivo con gli anemoni che tutt’oggi contraddistingue la Cuvée Belle Epoque. Negli anni il legame della Maison con l’arte ha dato origine ad una serie di opere originali e installazioni di artisti e designer di fama, che si sono ispirati alla ricca storia della Maison, ai suoi vigneti, al savoir-faire dell’assemblaggio e, naturalmente, ai celebri anemoni che sono l'emblema di Perrier-Jouët. Attraverso la nuova collaborazione con Ritsue Mishima, la Maison Perrier-Jouët è tornata a farsi ispirare dalla natura e dal movimento Art Nouveau, fondendo le influenze estetiche giapponesi con la tradizione vetraria veneziana.

L’artista Ritsue Mishima vive e lavora a Venezia dal 1989, appoggiandosi al savoir-faire di quattro artigiani di Murano per dare forma ai suoi disegni. Così è nata anche l’opera «All’ombra della luce», ispirata alle sottili sfumature dello champagne e delle sue luminose bollicine e presentata in anteprima a DesignMiami/ 2015 
L’opera di Ritsue Mishima, che dice di essersi ispirata alla delicatezza dei riflessi lucenti del sole nel giardino della Maison Belle Epoque, ha per protagonista la luce e celebra la forza, la purezza, la grazia e la materia. L’installazione offre allo spettatore di immergersi in uno spazio che evoca un giardino poetico ed enigmatico, sovrastato da una coreografia di dischi di vetro soffiato che riverberano la luce. All’opera si unisce un oggetto per il servizio dello champagne dalla meravigliosa eleganza: la boule per il ghiaccio in vetro soffiato, che combina avanguardia e assoluta tradizione artigianale. Un omaggio allo stile Perrier-Jouët e ai suoi raffinati champagne.