BELLE EPOQUE 1985

Capolavoro d'eleganza e di gusto.
Come un diamante
di grande raffinatezza.

belle epoque 1985 bottle

NOTE DI ELABORAZIONE DEL VINO

L'ECCEZIONE DI UN VIGNETO E LA COSTANZA DI UNO STILE

L'arte del millesimato secondo Perrier-Jouët, eleganza e raffinatezza.

Nel 1811 Pierre-Nicolas Perrier sposa Adèle Jouët. La coppia si stabilisce a Epernay. Da quel momento, simbolicamente assunto come data di fondazione, Perrier-Jouët si definisce come una Maison che non accetta il compromesso, spingendosi fino a rifiutare la produzione in caso di cattivi raccolti. Alcuni vini, frutto di annate di particolare qualità, vengono scelti e lasciati maturare nel silenzio delle cantine. Ciascuno di essi possiede un carattere singolare, ma tutti, senza eccezione, incarnano l'eccellenza dei vigneti Perrier-Jouët. 65 ettari, classificati al 99,2% della scala dei grand cru, i migliori chardonnay della Côte des Blancs. Vigneti d'eccezione, situati a mezza costa nel "triangolo magico della Champagne" ed esposti a sud-sud est. Una posizione eccezionale, che consente un'ideale maturazione degli chardonnay, conferendo loro generosi aromi di fiori bianchi e un bouquet delicatamente persistente.

Con la sua freschezza, la sua eleganza e i suoi raffinati accenti floreali, la cuvée Belle Epoque è l'espressione autentica del carattere di questi vini, perfettamente simboleggiata dal volo di anemoni bianchi realizzato da Émile Gallé nel 1902 e scelto come decoro per le bottiglie di questa cuvée.

La qualità dei vigneti, trasmessi con la più grande cura da una generazione all'altra, è sublimata dal savoir-faire della Maison. Hervé Dechamps, settimo Chef de Cave Perrier-Jouët, modella e perfezionaogni cuvée nel rispetto delle tradizioni e con la massima esattezza, degustando i cri uno ad ad uno ed assemblandoli poi in straordinarie composizioni creative che esprimono tutta l'eleganza e la raffinatezza dello stile floreale, intenso e ricercato della Maison.

Nel 1985 l'inverno rigido creò grandi difficoltà ai vigneti, ma una splendida estate e un autunno ideale, accompagnati dalla pazienza dei viticoltori Perrier-Jouët, consentirono una vendemmia tanto scarsa in quantità quanto eccezionale in qualità. Chardonnay freschi ed eleganti, pinot noir morbidi e generosi, pinot meunier seducenti e fruttati sono stati assemblati, nel più puro stile Belle Epoque, in un vino di fattura straordinaria che racchiude i grand cru emblematici di questa cuvée: 50% di chardonnay (Cramant, Avize, le Mesnil/Oger, Vertus e Chouilly); 45% di pinot noir (Aÿ, Ambonnay, Bouzy, Mailly, Verzenay, Verzy, Chigny les Roses); 5% di pinot meunier (Dizy, Hautvillers, Damery, Venteuil e Vincelles).

 

Un prestigioso cofanetto in legno, che reca incisi il millesimo e l'iconico anemone della Maison, sottolinea il valore di questo raro champagne.

Scoprire i segreti di due secoli di tradizione secondo Perrier-Jouët

 

APPUNTI DI DEGUSTAZIONE

CAPOLAVORO D'ELEGANZA E DI GUSTO

La raffinatezza e l'eleganza dello stile Perrier-Jouët sublimate da anni di maturazione in cantina

Per la prima volta dal 1811, anno della sua fondazione, la Maison Perrier-Jouët invita a conoscere alcuni dei suoi più rari millesimati, custoditi per anni nel segreto delle sue cantine. Hervé Deschamps ha selezionato alcune bottiglie di cuvée Belle Epoque oggi ormai quasi introvabili: 1982, 1985, 1996. Vini che hanno attraversato gli anni conservando tutta la loro autenticità e che dimostrano oggi la costanza di uno stile unico, noto per la sua eleganza floreale e per i suoi aromi raffinati.

«Rivelare questi vini significa condividere con gli altri ciò che ho provato nel momento della loro creazione. Questi champagne raccontano una storia ricca di emozioni»

Hervé Deschamps, Chef de Cave

 

ASPETTO:

Contraddistingue questo millesimato un colore giallo delicatamente dorato, ornato da un filo di bollicine sottili.

NASO:

Il naso rivela l'eleganza e la profonda ricchezza aromatica del vino. Emergono sentori di morbide foglie di tè, di tabacco biondo e di pan brioche, mescolati a profumi di composta di frutta e frutta secca, di limoni canditi e di zenzero. Si fanno poi strada sentori di spezie, di tarte tatin, di miele e di caramello. Sul finale appaiono note tostate.

PALATO:

Un modello di equilibrio e di armonia che rivela al palato tutta la sua freschezza e la sua rotondità, generoso e gustoso, prima di raggiungere il suo equilibrio su un finale prolungato.

«Un gioiello straordinario, di cui si riconoscono la struttura e le pietre preziose. Una creazione di arte orafa che sfida il tempo»

Hervé Deschamps, Chef de Cave

 

Scoprire gli altri millesimati rari Perrier-Jouët Belle Epoque: 1982 e 1996

 

BEAUTING: ASSOCIAZIONI CIBO-VINO FIRMATE
PERRIER-JOUËT

RAFFINATO E ROTONDO

Un capolavoro che rivela la sua delicatezza unito a sapori decisi.

Nel 1902 Émile Gallé crea un volo di anemoni che verrà poi inciso sulle bottiglie delle più prestigiose cuvée di champagne Perrier-Jouët. Da allora la Maison resta fedele alla sua tradizione artistica. Quella stessa tradizione che è all'origine della nascita del Beauting: una concezione della gastronomia che fa incontrare il Bello e il Buono trasformando ogni piatto in un'opera d'arte, in perfetta armonia con ciascuna delle cuvée. Un'esperienza sensoriale unica, sia visiva che gustativa.

Il perfetto equilibro tra eleganza e gusto che contraddistingue questo raro millesimato si esprimerà appieno nell'abbinamento con animelle di vitello alle spugnole. Una bistecca Chateaubriand in salsa Périgord servita con patate schiacciate al tartufo saprà rivelare tutta la sua armonia.

Esplorare il Beauting del Perrier-Jouët Belle Epoque 1982 e 1996

 

TI INTERESSA UN ALTRO VINO D'ANNATA?

SCOPRI I NOSTRI VINI D'ANNATA